Riabilitazione cognitiva

reab cognitivo
Per le persone con lesioni cerebrali e le loro famiglie, i problemi cognitivi possono essere la più grande barriera al ritorno alla vita “normale”. Queste difficoltà implicano memoria, attenzione, comportamento sociale, giudizio sulla sicurezza, pianificazione e realizzazione di azioni future. Colpiscono la capacità di una persona di prendersi cura di se stessa, mantenere gli appuntamenti, completare i compiti o interagire con le persone in modo appropriato. La posta in gioco è la capacità della persona di avere successo sul lavoro, a scuola o a casa. Senza trattamento per problemi cognitivi, gli effetti a lungo termine possono essere devastanti.

Terapia di riabilitazione a distanza

La terapia di riabilitazione cognitiva a distanza è ampiamente usata per descrivere i trattamenti che affrontano i problemi cognitivi che possono sorgere dopo una lesione cerebrale. Data l’ampia gamma di sintomi e gravità dei problemi cognitivi negli individui con lesioni cerebrali, questa terapia non si riferisce a un approccio specifico al trattamento, bensì mira ad agire sul sistema cognitivo per migliorare una vasta gamma di attività.
La maggior parte delle sessioni di riabilitazione cognitiva erogate a distanza si concentra sugli interventi con soggetti con trauma cranico, utilizzando un software personalizzato. Questo software ha combinato la videoconferenza con la condivisione dello schermo e i partecipanti hanno completato attività basate su computer che miravano al riconoscimento delle parole, alla memoria semantica (cioè la memoria per conoscenza fattuale) e alla memoria futura.
Questo trattamento, dunque, utilizza la tecnologia per insegnare ai pazienti ad utilizzare un calendario come strategia di memoria compensativa. Quindi, viene adattata la procedura di allenamento del calendario ad un formato di messaggistica istantanea, cosicché potesse diventare un diario personale. Entrambi gli interventi hanno portato ad un maggiore utilizzo di strategie compensative e a un miglioramento dell’umore generale. E’ stato dimostrato che i pazienti hanno conseguito maggiori guadagni nei loro obiettivi prefissati ed hanno ottenuto un miglioramento del funzionamento quotidiano della memoria. Questi studi suggeriscono che le tradizionali strategie di riabilitazione cognitiva possono essere attuate mediante videoconferenza, messaggistica istantanea o telefono.

A chi è rivolta la riabilitazione cognitiva

La riabilitazione cognitiva erogata a distanza è stata dimostrata anche per le persone con demenza senile. In questo caso è stato usato il telefono per addestrare il recupero spaziato, un intervento di memoria, per aiutare 3 donne a cui era stata precedentemente diagnosticata la demenza a ricordare alcune informazioni. Gli obiettivi raggiunti utilizzando il recupero spaziato sono stati stabiliti in collaborazione con i familiari, il personale della struttura abitativa assistita e l’individuo con diagnosi di demenza. Due partecipanti hanno fissato l’obiettivo di ricordare a che ora prendere i loro farmaci e un partecipante ha fissato gli obiettivi per ricordare i nomi di suo nipote, il suo numero di stanza e l’anno di nascita. Il primo partecipante non ha sempre risposto al telefono quando i ricercatori hanno chiamato per fornire una formazione di recupero spaziato e dopo 4 sessioni non era ancora in grado di ricordare i tempi per assumere il suo farmaco per più di 2 minuti. Il secondo partecipante è stato in grado di riconoscere i tempi necessari per assumere i suoi farmaci in un intervallo di 5 minuti al termine dell’intervento. La terza partecipante ha raggiunto tutti e tre i suoi obiettivi (nomi dei nipoti, numero della camera e anno di nascita). Gli autori hanno concluso che è possibile modificare il recupero spaziato per la consegna remota. Fino ad oggi, nessuna ricerca ha esplorato la videoconferenza per fornire il trattamento della riabilitazione cognitiva.

Obiettivi della riabilitazione cognitiva

La tele-riabilitazione è un campo in via di sviluppo, con la promessa di aumentare l’accessibilità di interventi specializzati come la riabilitazione cognitiva. Ad oggi, la riabilitazione cognitiva erogata a distanza per le persone con demenza senile non è stata studiata sistematicamente. Gli interventi inclusi nella riabilitazione cognitiva, come il recupero spaziato, sono stati applicati in un formato di tele-riabilitazione, suggerendo che questo potrebbe essere un approccio accettabile e fattibile per aumentare l’accessibilità della riabilitazione cognitiva per la demenza per le persone che risiedono in aree non servite dalla connessione Internet. Lo scopo di questo studio era di indagare l’accettabilità e la fattibilità di fornire la riabilitazione cognitiva agli individui con diagnosi di demenza usando la videoconferenza in tele-health.