I migliori rivestimenti per parquet da ufficio

parquet d'ufficio

Tra le diverse scelte quando si progetta il proprio ambiente lavorativo la selezione della tipologia del pavimento è sicuramente tra le più importanti.
La sensazione che si vuole trasmettere e l’atmosfera con cui si è a contatto quotidianamente dipendono anche dal design del nostro ufficio, il quale può influire sul proprio rendimento e umore ma soprattutto sull’immagine che si intende dare all’attività e all’impiego che si svolge.
Numerose sono infatti le aziende che per dare una maggiore importanza ai propri uffici prediligono una pavimentazione piuttosto che un’altra. Ad esempio, il rivestimento in legno, sinonimo di serietà prestigio o addirittura eleganza, viene scelto per dare una migliore estetica.

Fra i più utilizzati troviamo Rovere con le sue venature, resistente, durevole e facile da mantenere si adatta perfettamente all’utilizzo in ufficio. Un’altra alternativa che garantisce la stessa qualità è il Teak, con colore brunastro resistenza ai graffi, all’usura e all’umidità.
Per ciò che concerne invece la posa, si può optare per quella flottante indicata per chi desidera coprire il pavimento sottostante o incollata posizionando le doghe direttamente su un massetto solido piano e pulito.
È ovvio che in base ai propri gusti l’ufficio rispecchia la propria personalità e dunque è possibile scegliere tra un parquet per un ambiente moderno o classico.

Perché scegliere un parquet

La scelta del parquet non è funzionale solo alla sua bellezza in quanto garantisce sia l’isolamento acustico, che è fondamentale in una sala riunioni o in ufficio, ma anche quello termico per garantire un ambiente accogliente e caldo.
Ma bisogna tenere a mente che questa tipologia di superficie necessità di particolari attenzioni e speciali trattamenti. I parquet vengono infatti curato con diversi prodotti che mantengono la resistenza e bellezza nel tempo come ad esempio vernici idrorepellenti, ma è anche ovvio che un aiuto deve essere offerto dalle persone che scelgono questa tipologie di superficie. Prima di avere accesso alla superficie è preferibile utilizzare degli zerbini per poter evitare di apportare macchie o abrasioni al pavimento o, meglio ancora, nel caso degli uffici che sono abbastanza esposti a una luce solare sarebbe consigliabile porre delle tende alle finestre in modo da non rovinare il parquet. I tempi di applicazione sono comunque brevi in quanto per quello grezzo vengono impiegati 5-6 giorni, per quello non grezzo invece circa la metà.

Parquet per ufficio moderno

Il parquet per ufficio dallo stile contemporaneo dovrà sicuramente integrarsi con l’ambiente circostante e quello in Teak può essere la soluzione migliore per abbinare elementi in vetro come porte con inserti scrivanie o librerie. Anche il parquet grigio è piuttosto utilizzato nell’ambiente dallo stile moderno in quanto la sua tonalità fredda cercherà di garantire un’atmosfera sofisticata e inoltre, per mitigare l’effetto freddo, le nuances del grigiastro vengono abbinate a una posa a spina di pesce. Una ulteriore alternativa è il parquet in Rovere: avendo un trattamento naturale si abbina all’arredo scandinavo riuscendo a ottenere un’atmosfera accogliente. Sia che si tratti di un parquet in Rovere o in Teak, la pulizia è facile e immediata in quanto soltanto con un panno inumidito con acqua e detergenti neutri si ottiene un risultato brillante; per un trattamento più profondo, studiati per ogni tipologia di parquet, vi saranno invece dei prodotti specifici.

I parquet per uffici classici

Per un ufficio dallo stile non contemporaneo, il parquet deve comunque garantire calore, fascino ed eleganza. Per gli ambienti alquanto piccolo e con poca luce naturale, si può acquistare, ad esempio, un parquet chiaro che sei in grado di garantire una sensazione di accoglienza e di ambiente più ampio. Per gli uffici più luminosi invece il miglior parquet è quello dalle tonalità più scure che vanno dal marrone cioccolato al nero, per avere un atmosfera più elegante e prestigiosa. Quindi anche qui sia il Rovere che il Teak possono essere utilizzati in quanto si combinano assolutamente con le venature naturali di queste superfici legnose. Se si vuole eccedere ancora, garantendo all’ambiente più charme, una posa a spina di pesce può essere sicuramente aggiunta.